-
Metal Project

Punzonatrici

Le nostre punzonatrici TRUMPF sono ad alto rendimento e consentono di produrre componenti di lamiera in modo interamente automatizzato e con un processo in sicurezza.
Cinque punti che caratterizzano l’impianto:
– Velocità
– Precisione
– Automazione
– Raffinatezza
– Tecnologia di controllo intelligente
Si possono praticare sia geometrie lineari, sia curve ed arrotondamenti. Un’applicazione che si rileva interessante soprattutto per la tecnologia di climatizzazione e ventilazione.

La punzonatura delle lamiere

La punzonatura della lamiera altro non è che l’asportazione controllata di materiale, o la sua parziale deformazione, in modo da ottenere delle forme geometriche ben definite al suo interno o lungo il suo perimetro.
Questa particolare lavorazione della lamiera viene eseguita tramite delle macchine utensili a controllo numerico dette punzonatrici, che si dividono in due categorie a seconda del modo in cui asportano il materiale dal foglio di lamiera da lavorare e cioè:
-Punzonatrici idrauliche
-Punzonatrici laser
La prima categoria di punzonatrici, per lavorare la lamiera, utilizza  degli utensili composti da un “punzone” che muovendosi dall’alto verso il basso colpisce il foglio di lamiera ed asporta fisicamente il materiale, creando un foro avente la sua forma geometrica, e da una “matrice” posizionata al disotto del foglio di lamiera, avente la stessa forma in “negativo” del punzone, ma con una misura di pochi centesimi di millimetri più grande; in modo da poter accettare la corsa del punzone più il materiale asportato.
Il punzone quindi, posto al di sopra della lamiera, con il suo movimento asporta una quantità di materiale avente una forma pari alla sua dimensione superficiale, mentre la matrice, al momento dell’attraversamento del punzone, impedisce alla lamiera di deformarsi facendo da sede al punzone permettendo inoltre allo sfrido, cioè al pezzo di lamiera asportato, di essere eliminato.
Dato che però l’utensile può scorrere solo dall’alto verso il basso la lamiera da lavorare gli viene fatta scorrere attraverso, appoggiata su di un banco, da dei riferimenti che la bloccano.
La seconda categoria di punzonatrici, per lavorare la lamiera, non fa uso di utensili ma bensì per asportare materiale ed ottenere la lavorazione voluta fa uso di un laser ad alta potenza.
Il laser grazie alla sua potenza riesce a fondere molto velocemente il foglio di lamiera ricavando ogni qual si voglia forma sulla sua superficie senza mai venirne a contatto, riuscendo così ad avere una precisione nelle lavorazioni molto elevata, una assenza di sbavature e una riduzione di scarti al minimo.
Tra i vantaggi delle punzonatrici laser abbiamo quindi la possibilità di ottimizzare la superficie dei formati di lamiera usati ed una miglior qualità di lavorazione, inoltre l’assenza di utensili in
movimento sostituiti dal laser, che simula ogni forma voluta, come prima cosa elimina la rumorosità d’esercizio e le forti vibrazioni, che necessariamente dovrebbero essere smorzate, ma soprattutto elimina di fatto l’esigenza di avere a disposizione un magazzino utensili e quindi la loro periodica manutenzione.